PRIMO CORSO

ISPETTORI ANTINCENDIO

VIGILI DEL FUOCO

UN GRAZIE PERSONALE E SONO SICURO A NOME DI TUTTI AGLI INGEGNERI ...D'ANNA E DE FEND ...PER AVERCI DEDICATO IL LORO TEMPO E LA LORO ESPERIENZA NEL CORSO

 

 
 
CORSISTI - DIRETTORE E VICE - SEGRETARIE DELLA PRIMA EDIZIONE AL POLO DIDATTICO DI TORINO 2006
Si chiude oggi il primo corso per Ispettori Antincendi svoltosi presso il polo didattico di Torino dal 4 Giugno ad oggi.
Tutto il personale proveniente dalla Sardegna vuole ringraziare la Direzione ed il Comando di Torino a partire dal Direttore sino all'ultimo vigile per l'accoglienza ricevuta e per aver saputo con grande disponibilità risolvere i tanti iniziali problemi sia di logistica che di viaggi consentendoci di trascorrere questo periodo con serenità .
Un ringraziamento particolare ai Direttori del corso Ing. D'Anna e De Fend per la loro costante presenza e per il grande aiuto dimostrato in qualunque momento .
Un grazie alle segretarie per la loro costante pazienza . Un grazie a ...tutti. Forse questo corso non ci avrà insegnato ad essere dei bravi tecnici nell'amministrazione per i tempi brevi , ma ci ha insegnato sicuramente ad usare da oggi in poi la nostra trentennale esperienza in un modo diverso , in un modo nuovo . Ma la cosa piu' bella che ci ha insegnato è stato il convivere ed il confrontarsi con modi di vivere diversi , con 19 modi unici di pensare la vita .
Durante i saluti finali molti dei 19 hanno saputo dare anche degli attimi di vera commozione dando umanità reale al tutto .

 

E’ iniziato il primo corso di riqualificazione per i nuovi 300 Ispettori Antincendi del Corpo Nazionale .
Un Corso con tre aspetti caratteristici : STRANO – AD ALTI CONTENUTI – CONFUSO


Un Corso strano per il tipo di discenti coinvolti ……QUEI TERRIBILI RAGAZZI DEL 76 ……che si ritrovano ad un’età media di 53 anni a viaggiare per l’Italia e a confrontarsi in un’aula di fronte a tanti colleghi in un momento in cui solo alcuni giorni fa l’unico pensiero era l’imminente pensione ed oggi invece è quello di riproporsi dopo 30 anni …di cortile …. sotto un’altra veste a continuare a dare qualcosa di se . E forse e’ questo lo stimolo che ci ha convinto a rimanere su quei banchi .

 

Un Corso ad alti contenuti che vengono fuori delle materie trattate , forse le stesse che sino ad oggi ci hanno insegnato ad essere bravi POMPIERI , ma che da ora in poi ci porteranno a far diventare i nostri giovani degli ottimi VIGILI DEL FUOCO facendoci capire la sottile differenza che passa tra i due nomi che indicano lo stesso mestiere ma non lo stesso modo di farlo .


Un Corso confuso non certo per le idee della nostra mente ma per la confusione creata dalla poca chiarezza con cui e’ stato iniziato , con i tempi accelerati dovuto ad un recupero dopo settimane di stasi . Un Corso aperto in una sola settimana e che ha avuto il suo effetto partorendo poli con strutture arrangiate all’ultimo momento . Ciò specialmente ha portato ad una compatta protesta da parte degli Ispettori della Sardegna che si ritrovano letteralmente discriminati , unici in Italia , forse anche derubati di un polo in casa , esistente sino all’ultimo momento e poi svanito senza spiegazioni . Nei tre giorni antecedenti il Corso ha cambiato varie destinazioni ( Senigallia-Dalmine-Milano-Torino ) per poi essere depositati da un ….corriere …distratto… presso il Comando di Torino dove chiaramente non erano preparati ad accogliere delle persone distanti ben 18 ore dalla loro casa . Nessuna colpa agli amici di Torino che hanno fatto miracoli in soli tre giorni per accogliere dignitosamente i colleghi della Sardegna .

 

Ma la protesta e’ nata dall’assenza dell’amministrazione al problema di chi settimanalmente deve estrapolare dal reddito famigliare una congrua somma per potere essere a pari dignità con i suoi simili e tornare presso le proprie famiglie e verso i tanti problemi lasciati alle spalle e raggiungibili solo dopo un’articolato ed estenuante viaggio .
Solo ora finalmente dopo lunghe proteste l’amministrazione ha concesso ogni 15 giorni un dignitoso rientro a casa a spese zero e solo ora finalmente abbiamo avuto promesse certe di una dignitosa sistemazione logistica che ci permetta non solo di seguire con serenita’ le lezioni ma di vivere con dignità le nostre ore e giornate libere .


Ora resta solo un pensiero un po’ confuso riguardante …..COSA FAREMO DA GRANDI !!!!....se grandi diventeremo a meta’ ottobre .
Ma siamo sicuri di avere risposte certe in tempi brevi consapevoli che il momento di sbandamento è terminato .


Personalmente volevo pubblicare un..GRAZIE a tutti quei colleghi del Piemonte e della Liguria che con la loro solidarieta’ hanno contribuito alla risoluzione dei problemi .
Un grazie in primis a chi nella penombra si è giornalmente attivato .
Ora il titolo dell’articolo ha significato di esistere .
E dopo tante righe di sfogo o di protesta , vorrei scrivere una riga allegra riguardante la foto pubblicata .
Molti conoscono i ruoli extra-pompieri delle persone raffigurate , ma provate a guardare cosa puo’ rappresentare la foto !!!!!

Auguriamoci per il futuro un qualcosa di simile .

IL POETA DEL GRUPPO ISPETTORI

Nell'incontro a fine corso è stata donata alla Direzione Piemonte una poesia in lingua sarda scritta dall'Ispettore Salvatore Pinna del Comando di Nuoro .

 

PRIMO CORSO ISPETTORI -TORINO 2006


Su Cursu de Ispettore

In Piemonte pro su cursu de Ispettore
In degheotto no semus incontrados
Dae Liguria e Sardigna sun valados
A Torinu zittade ricca de isplendore.

Tottus juchiavamus unu timore
Chi no seret cambiau su distinu
Ma in trint’annos de caminu
De su cursu ischimus su valore

Tottu sa vida amus trabagliadu
Azzudande sa zente in difficultade
Sempre primos in solidariedade
Nessi cussu l’aviamus imparadu

Mai,in secus mai no semus tirados
In prima fila in d’onzi succursu
Ma solu in cust’urtimu percursu
Vimus a su cuminzu preocupados

Vit pro Nois una vera novidade
Ma no semus accatados meda bene
Garrigados no semus de isoprene
E l’amus affruntada chin seriedade.

Ca in custa bellissima zittade
Amus accatadu paghe e armonia
A la vantare non bastat sa poesia
Ca est s’istoria nostra Nazionale.

Torrados semus gasi a istudiare
Comente sos pizzinnos de iscola
Die pro die girande custa mola
Pro sas cosas novas a imparare.

Trattados peri chin umanidade
Da D’Anna s’Inzenieri Direttore
Chin De Fend su collaboratore
Imparande sa professionalidade.

Ma a nisciunu chergio trascurare
Ammentante tottu sos docentes
Ca ispiegande vin issos valentes
In poesia lo chergio ringraziare.

Dae crasa arzamus unu gradinu
E galu semus a disposiscione
S’esperiezia nostra chin resone
Ca credimus galu in su distino

DE SU CORPU NAZIONALE.

Salvatore Pinna

IL NOSTRO MOTTO

 


Il lungo e travagliato corso è finito portandosi via tutti i problemi che può aver creato .

Da lunedi 23 ottobre i nuovi Ispettori prenderanno effettivamente servizio nei nuovi ruoli .
Una sola speranza rimane aleggia nella mente di tutti .
Che il nuovo ruolo sia veramente qualcosa di nuovo ma si spera che rispecchi e rispetti i desideri che ha spinto ognuno di noi in questa ultima avventura di una lunga carriera al termine .

Auguri a tutti ....IL WEBMASTER

 

PER TORNARE AL SITO PRINCIPALE VIGILFUOCOSASSARI.NET

VIGILI DEL FUOCO SASSARI